RSS

Archivio mensile:luglio 2008

Oroscopo….XD

PESCI

 

CARATTERISTICHE GENERALI:

Segno d’Acqua dominato da Giove e Nettuno. I nativi dei Pesci sono sottili, pazienti, dolci, tolleranti. Sanno diventare però, a volte, permalosi ed infidi. Ciò che li caratterizza, oltre ad un carattere complesso, è una grande fantasia ed una straordinaria capacità d’apprendimento. Sono indecisi e non hanno grandi capacità organizzative, preferiscono quindi lavorare e vivere guidati da qualcuno. Le professioni tipiche sono: il calciatore, l’infermiere, il medium, il meccanico ed il fotografo. Hanno un forte senso religioso e sono fatti per l’arte. Essendo molto riservati, non è facile conoscerli e capirli a fondo.Per loro l’amicizia e l’amore veri e duraturi sono valori di fondamentale importanza.

 

COME SEDURRE L’UOMO PESCI: L’uomo dei Pesci è idealista, complesso, romantico, imprevedibile ma anche permaloso ed emotivo: va riempito d’amore e d’attenzioni. La sua donna ideale deve saper prendere l’iniziativa. Fategli capire che siete amanti dell’ordine, della precisione e dell’arte. UN CONSIGLIO: Non toccate le sue cose……è molto geloso!!!  (tengo a precisare che alcune caratteristiche del maschio pesci mi appartengono, come la gelosie verso le mie cose ecc..)

 

COME SEDURRE LA DONNA PESCI: La donna dei Pesci è femminile, romantica, dolce, fragile. Ha il dono di far sentire il suo uomo l’essere più importante del mondo. Va lodata, coccolata ed ascoltata, altrimenti soffre e si rattrista. L’uomo che preferisce deve essere solido e forte. UN CONSIGLIO: Parlate molto con lei!

………………………………

Profilo Giaguaro:

I Giaguari sono persone con una personalità ribelle e istintiva; amanti dell’avventura e dell’attività fisica, sono il prototipo del perfetto seduttore.

A completare il quadro della personalità tipo del Giaguaro, è la tendenza all’altruismo, a fare del bene e a lottare contro ogni ingiustizia.

Il partner del giaguaro potrà godere di un compagno appassionato e ricco di iniziativa ma dovrà essere capace di stimolarlo a sua volta con discosi e proposte interessanti, per evitare qualsiasi routine.

Talvolta capire i pensieri e gli umori del Giaguaro puo’ essere molto difficile ma questo aspetto è parte di una personalità particolare e costantemente alla ricerca di novità e di nuove sfide.

La loro professione ideale potrebbe essere l’atleta professionista.

 

Principio guida:

Istinto

 

Tallone d’Achille:

Sbalzi di umore

 

Segno del partner ideale:

Pipistrello e Pavone

 

Colore di guerra:

Blu notte

 

…………………………………………….

Le donne Pesci incantano gli uomini e flirtano con loro, hanno spesso abiti sexy e sensuali che sanno sfoggiare abilmente. Hanno un talento per intuire e soddisfare il proprio partner.
Non è difficile, quindi, che gli uomini si trovino bene con loro.
La donna Pesci ha spesso la passione per particolari giochi erotici: essere spogliata a lume di candela, essere accarezzata con un fiore e utilizzare cibo e vino nel gioco dell’amore.
Al termine dei giochi però gradirà essere presa con forza e decisione.

L’uomo ideale per la donna Pesci è un abile maestro del sesso, fantasioso e virile, capace di farle passare notti infuocate.

Come conquistarla: intrigandola con dolcezza e fantasia, per poi mostrare tutta la propria virilità nel rapporto sessuale!

Partner Ideale: Cancro

 

 

Pesci sono persone molto sensibili ed emotive; talvolta possono essere influenzati dagli amici e dall’ambiente sia in modo positivo che negativo.
Poiché sono molto comprensivi, credono nella bontà del prossimo e sono predisposti alla dedizione e al sacrificio.
Non sono dei competitivi, preferiscono le attività artistiche, in quanto hanno un potenziale creativo molto elevato e sono molto intuitivi.
Sono vulnerabili, mancano di meccanismi di autodifesa e sono emotivamente instabili.
Per questo motivo hanno bisogno di essere circondati dalla bontà e dalla comprensione.
Possono soffrire di disturbi ai piedi e malesseri collegati all’emotività.

 

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 19 luglio 2008 in Senza categoria

 

Oroscopo….XD

PESCI

 

CARATTERISTICHE GENERALI:

Segno d’Acqua dominato da Giove e Nettuno. I nativi dei Pesci sono sottili, pazienti, dolci, tolleranti. Sanno diventare però, a volte, permalosi ed infidi. Ciò che li caratterizza, oltre ad un carattere complesso, è una grande fantasia ed una straordinaria capacità d’apprendimento. Sono indecisi e non hanno grandi capacità organizzative, preferiscono quindi lavorare e vivere guidati da qualcuno. Le professioni tipiche sono: il calciatore, l’infermiere, il medium, il meccanico ed il fotografo. Hanno un forte senso religioso e sono fatti per l’arte. Essendo molto riservati, non è facile conoscerli e capirli a fondo.Per loro l’amicizia e l’amore veri e duraturi sono valori di fondamentale importanza.

 

COME SEDURRE L’UOMO PESCI: L’uomo dei Pesci è idealista, complesso, romantico, imprevedibile ma anche permaloso ed emotivo: va riempito d’amore e d’attenzioni. La sua donna ideale deve saper prendere l’iniziativa. Fategli capire che siete amanti dell’ordine, della precisione e dell’arte. UN CONSIGLIO: Non toccate le sue cose……è molto geloso!!!  (tengo a precisare che alcune caratteristiche del maschio pesci mi appartengono, come la gelosie verso le mie cose ecc..)

 

COME SEDURRE LA DONNA PESCI: La donna dei Pesci è femminile, romantica, dolce, fragile. Ha il dono di far sentire il suo uomo l’essere più importante del mondo. Va lodata, coccolata ed ascoltata, altrimenti soffre e si rattrista. L’uomo che preferisce deve essere solido e forte. UN CONSIGLIO: Parlate molto con lei!

………………………………

Profilo Giaguaro:

I Giaguari sono persone con una personalità ribelle e istintiva; amanti dell’avventura e dell’attività fisica, sono il prototipo del perfetto seduttore.

A completare il quadro della personalità tipo del Giaguaro, è la tendenza all’altruismo, a fare del bene e a lottare contro ogni ingiustizia.

Il partner del giaguaro potrà godere di un compagno appassionato e ricco di iniziativa ma dovrà essere capace di stimolarlo a sua volta con discosi e proposte interessanti, per evitare qualsiasi routine.

Talvolta capire i pensieri e gli umori del Giaguaro puo’ essere molto difficile ma questo aspetto è parte di una personalità particolare e costantemente alla ricerca di novità e di nuove sfide.

La loro professione ideale potrebbe essere l’atleta professionista.

 

Principio guida:

Istinto

 

Tallone d’Achille:

Sbalzi di umore

 

Segno del partner ideale:

Pipistrello e Pavone

 

Colore di guerra:

Blu notte

 

…………………………………………….

Le donne Pesci incantano gli uomini e flirtano con loro, hanno spesso abiti sexy e sensuali che sanno sfoggiare abilmente. Hanno un talento per intuire e soddisfare il proprio partner.
Non è difficile, quindi, che gli uomini si trovino bene con loro.
La donna Pesci ha spesso la passione per particolari giochi erotici: essere spogliata a lume di candela, essere accarezzata con un fiore e utilizzare cibo e vino nel gioco dell’amore.
Al termine dei giochi però gradirà essere presa con forza e decisione.

L’uomo ideale per la donna Pesci è un abile maestro del sesso, fantasioso e virile, capace di farle passare notti infuocate.

Come conquistarla: intrigandola con dolcezza e fantasia, per poi mostrare tutta la propria virilità nel rapporto sessuale!

Partner Ideale: Cancro

 

 

Pesci sono persone molto sensibili ed emotive; talvolta possono essere influenzati dagli amici e dall’ambiente sia in modo positivo che negativo.
Poiché sono molto comprensivi, credono nella bontà del prossimo e sono predisposti alla dedizione e al sacrificio.
Non sono dei competitivi, preferiscono le attività artistiche, in quanto hanno un potenziale creativo molto elevato e sono molto intuitivi.
Sono vulnerabili, mancano di meccanismi di autodifesa e sono emotivamente instabili.
Per questo motivo hanno bisogno di essere circondati dalla bontà e dalla comprensione.
Possono soffrire di disturbi ai piedi e malesseri collegati all’emotività.

 

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 19 luglio 2008 in Senza categoria

 

Persepolis (anime movie)

Locandina Persepolis
Marjane. Una bambina, un’adolescente, una giovane donna. Come tante ma con una differenza: è iraniana.
PERSEPOLISAnimazione di qualità per una donna in difesa della dignità femminile…

Teheran, 1978: Marjane, otto anni, sogna di essere un profeta che salverà il mondo. Educata da genitori molto moderni e particolarmente legata a sua nonna, segue con trepidazione gli avvenimenti che porteranno alla Rivoluzione e provocheranno la caduta dello Scià.
Con l’instaurazione della Repubblica islamica inizia il periodo dei "pasdaran" che controllano i comportamenti e i costumi dei cittadini. Marjane, che deve portare il velo, diventa rivoluzionaria.
La guerra contro l’Iraq provoca bombardamenti, privazioni e la sparizione di parenti. La repressione interna diventa ogni giorno più dura e i genitori di Marjane decidono di mandarla a studiare in Austria per proteggerla.
A Vienna, Marjane vive a 14 anni la sua seconda "rivoluzione": l’adolescenza, la libertà, l’amore ma anche l’esilio, la solitudine, la diversità.
Sono rari i
film di animazione in grado di far percepire al pubblico le difficoltà dell’esistenza di chi li ha ideati. Spesso impegno in difesa dei diritti e qualità grafica non convivono. In questo caso il connubio è perfettamente riuscito. Marjane Satrapi è riuscita a trasformare i quattro volumi di fumetti in cui raccontava, con dolore e ironia, la propria crescita come donna in un Iran in repentina trasformazione e in un’Europa incapace di accogliere veramente il diverso, in un lungometraggio di animazione di qualità. Ha anche un altro merito che le va attribuito: è riuscita a sfuggire alle sirene hollywoodiane che la volevano sedurre con la proposta di film in cui Jennifer Lopez sarebbe divenuta sua madre e Brad Pitt suo padre. Ha tenuto duro e ne è nata un’opera in bianco e nero (con lampi di colore) capace di raccontare un’infanzia e un’adolescenza al femminile comune e differente al contempo. Comune perchè tante giovani donne si potranno ritrovare nel suo percorso di crescita. Differente perchè la donna in Iran è (per chi ha dettato e detta le leggi) meno donna. Per una volta ci venga concessa una citazione diretta: vedere questa giovane regista non riuscire più a trattenere le lacrime nel corso di una standing ovation durata 15 minuti a Cannes dava la misura della difficoltà di una vita ma anche della necessità di non dimenticare lo springsteeniano "No retreat no surrender".

"Consiglio a tutti di guardare questo film di animazione, apparentemente può sembrare che non ci tocchi da vicino, in quanto a problemi o situazioni…ma la verità secondo me è un’altra, "il mondo è piccolo" e tutti abbiamo gli stessi problemi!!!

Lei combatte contro la sua socetà che non le permette di esprimersi, neanche in occidente trova il suo posto..anche se apparentemente la situazione può sembrare diversa non lo è…senza contare che il razzismo o l’emarginazione sono problemi concreti che esistono in tutto il mondo, non solo tra persone di colore diverso, ma anche tra ricco e povero, nord – sud, insomma tante situazioni diverse, ma sempre di razzismo si parla…

Non mi dilungo di +, solo un consiglio…guardatelo…XD

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 16 luglio 2008 in Senza categoria

 

Persepolis (anime movie)

Locandina Persepolis
Marjane. Una bambina, un’adolescente, una giovane donna. Come tante ma con una differenza: è iraniana.
PERSEPOLISAnimazione di qualità per una donna in difesa della dignità femminile…

Teheran, 1978: Marjane, otto anni, sogna di essere un profeta che salverà il mondo. Educata da genitori molto moderni e particolarmente legata a sua nonna, segue con trepidazione gli avvenimenti che porteranno alla Rivoluzione e provocheranno la caduta dello Scià.
Con l’instaurazione della Repubblica islamica inizia il periodo dei "pasdaran" che controllano i comportamenti e i costumi dei cittadini. Marjane, che deve portare il velo, diventa rivoluzionaria.
La guerra contro l’Iraq provoca bombardamenti, privazioni e la sparizione di parenti. La repressione interna diventa ogni giorno più dura e i genitori di Marjane decidono di mandarla a studiare in Austria per proteggerla.
A Vienna, Marjane vive a 14 anni la sua seconda "rivoluzione": l’adolescenza, la libertà, l’amore ma anche l’esilio, la solitudine, la diversità.
Sono rari i
film di animazione in grado di far percepire al pubblico le difficoltà dell’esistenza di chi li ha ideati. Spesso impegno in difesa dei diritti e qualità grafica non convivono. In questo caso il connubio è perfettamente riuscito. Marjane Satrapi è riuscita a trasformare i quattro volumi di fumetti in cui raccontava, con dolore e ironia, la propria crescita come donna in un Iran in repentina trasformazione e in un’Europa incapace di accogliere veramente il diverso, in un lungometraggio di animazione di qualità. Ha anche un altro merito che le va attribuito: è riuscita a sfuggire alle sirene hollywoodiane che la volevano sedurre con la proposta di film in cui Jennifer Lopez sarebbe divenuta sua madre e Brad Pitt suo padre. Ha tenuto duro e ne è nata un’opera in bianco e nero (con lampi di colore) capace di raccontare un’infanzia e un’adolescenza al femminile comune e differente al contempo. Comune perchè tante giovani donne si potranno ritrovare nel suo percorso di crescita. Differente perchè la donna in Iran è (per chi ha dettato e detta le leggi) meno donna. Per una volta ci venga concessa una citazione diretta: vedere questa giovane regista non riuscire più a trattenere le lacrime nel corso di una standing ovation durata 15 minuti a Cannes dava la misura della difficoltà di una vita ma anche della necessità di non dimenticare lo springsteeniano "No retreat no surrender".

"Consiglio a tutti di guardare questo film di animazione, apparentemente può sembrare che non ci tocchi da vicino, in quanto a problemi o situazioni…ma la verità secondo me è un’altra, "il mondo è piccolo" e tutti abbiamo gli stessi problemi!!!

Lei combatte contro la sua socetà che non le permette di esprimersi, neanche in occidente trova il suo posto..anche se apparentemente la situazione può sembrare diversa non lo è…senza contare che il razzismo o l’emarginazione sono problemi concreti che esistono in tutto il mondo, non solo tra persone di colore diverso, ma anche tra ricco e povero, nord – sud, insomma tante situazioni diverse, ma sempre di razzismo si parla…

Non mi dilungo di +, solo un consiglio…guardatelo…XD

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 16 luglio 2008 in Senza categoria

 

Tributo a Mike Shinoda

Mike Shinoda

Se Chester mi somiglia, Mike è decisamente il mio idolo, sempre componente della mia band preferita è il creativo del gruppo, non mento se dico che vorrei diventare un barvissimo GRAPHIC DESIGNER come lui…ti adorooooooooooooooooooo!!!

Se chester« Fondamentalmente i nostri fans sanno più cose di noi su di noi  »

Michael Kenji Shinoda

Michael Kenji Shinoda – più noto come Mike Shinoda – (Agoura Hills, California11 febbraio 1977) è un rapper, chitarrista, tastierista e produttore discografico statunitense, famoso per la sua militanza nei Linkin Park. Biografia

Primi anni

Di padre giapponese e madre americana, Shinoda è nato nel sobborgo losangelino di Agoura, dove ha trascorso i suoi primi vent’anni. Ha un fratello minore di nome Jason.

A spingerlo a diventare musicista, fu un concerto eseguito in contemporanea dagli Anthrax e dai Public Enemy, a cui assistette nei primi anni Novanta. Dopo quel concerto, iniziò a seguire lezioni di pianoforte, cominciando con la musica classica, e passando successivamente al jazz e infine all’hip hop; nello stesso periodo iniziò a suonare la chitarra elettrica e a praticare il rapping.

.Alla Agoura High School, Shinoda conobbe Brad Delson e Rob Bourdon (entrambi già nei Relative Degree). Con loro formò gli Xero, nel 1996.

Dopo il liceo, cominciò a studiare illustrazione e disegno grafico all’Art Center College Of Design di Pasadena. Lì divenne amico del collega di studi Joseph Hahn, mentre all’università Delson conobbe David Farrell. I due si unirono agli Xero nel 1997, rispettivamente come dj e bassista, e poco dopo arrivò al secondo microfono Mark Wakefield.

Una volta terminati gli studi, Shinoda si laureò nel 1999 in illustrazione, e divenne graphic designer.

Linkin Park

Poco prima della sua laurea, Shinoda contattò il produttore Jeff Blue per la ricerca del sostituto di Mark Wakefield (che ha abbandonato il gruppo nel 1998, ed è in seguito diventato manager dei Taproot). Allora Blue chiamò l’ex Grey Daze Chester Bennington, proveniente dall’Arizona. Bennington e gli Xero si aggregarono negli Hybrid Theory, che nel 1999 rilasciarono un EP eponimo. Poi eseguirono alcuni showcases per sei etichette discografiche.

Firmarono il contratto definitivo alla fine del 1999, con la Warner Brothers. A causa dell’omonimia con gli inglesi Hybrid, gli Hybrid Theory cambiarono nome in Linkin Park (da "Lincoln Park", zona di Santa Monica dove Bennington passava in auto dopo le registrazioni, ora Christine Reed Park).

Per la Warner incisero e pubblicarono nel 2000 Hybrid Theory, prodotto da Don Gilmore e con una copertina disegnata dallo stesso Mike Shinoda, che illustra un soldato con ali di libellula (il soldato rappresenta l’aggressività e la dinamica del metal/hard rock, le ali di libellula la leggerezza e l’orecchiabilità del rap). Con 20 milioni di copie all’attivo, Hybrid Theory è l’album di maggiore successo commerciale del genere nu metal.

Shinoda si occupa sin dal 1999 degli aspetti tecnici della musica dei Linkin, e suona alcuni degli strumenti. È stato il supervisore della registrazione di Reanimation (2002), edit di Hybrid Theory. Inoltre in Meteora (2003), anch’esso con Don Gilmore in cabina di regia, si è distinto come polistrumentista, e in Collision Course (2004) come produttore, remixer e graphic designer. Ha prodotto tutti gli EP rilasciati dal fan club ufficiale Linkin Park Underground, e ha remixato alcune canzoni dei gruppi Depeche Mode ("Enjoy The Silence"), X-Ecutioners (con cui ha eseguito nel 2002 il brano "It’s Goin’ Down") e Handsome Boy Modeling School.

Attualmente si occupa anche dell’artwork dei Linkin insieme a Joseph Hahn, e ha disegnato la copertina del debut album degli Styles Of Beyond, 2000 Fold.

Nel 2003, Mike Shinoda e Brad Delson hanno fondato la Machine Shop Recordings, divisione della Warner Brothers che ha già prodotto alcuni lavori di Holly Brook e degli Styles Of Beyond.

Sposato dal 10 maggio 2003 con Anna Marie Hillinger, Mike vive attualmente a Los Angeles, dove ha sede la band.

Eventi recenti

Shinoda e Lil Jon sono stati recentemente invitati a condurre gli MTV Video Music Awards. Per l’evento, il rapper dei Linkin Park ha inciso i brevi brani strumentali "100 Degrees," "Saturday," "Montreal," "Hype" e "Madison".

Insieme a Rick Rubin, Mike ha prodotto in studio il terzo album dei Linkin Park, Minutes to Midnight. Già anticipato nell’aprile del 2007 dal singolo "What I’ve Done", è stato pubblicato il 14 maggio dello stesso anno in Europa e il 15 negli Stati Uniti.

Fort Minor

Il 22 novembre 2005 è stato immesso sul mercato The Rising Tied, primo album dei Fort Minor, progetto collaterale avviato nel 2004 da Mike Shinoda.

Le canzoni sono state scritte, suonate e mixate da Shinoda stesso, con la collaborazione di artisti tra cui Black Thought dei Roots, gli Styles of Beyond, Holly Brook, Kenna, Common, John Legend, Jonah Matranga e Celph Titled. Al disco, prodotto da Jay-Z e pubblicato per la Warner Brothers, hanno partecipato anche Brad Delson e Joseph Hahn.

I suoi singoli sono "Petrified", "Believe Me", "Remember The Name" e "Where’d You Go".

Influenze musicali

Mike Shinoda cita come propri ispiratori i Deftones, i Nine Inch Nails, i Roots, Aphex Twin e i Depeche Mode.

Proprio per questi ultimi, Mike Shinoda realizzò un remix di Enjoy The Silence, nel 2004.

 
1 Commento

Pubblicato da su 3 luglio 2008 in Senza categoria

 

Tributo a Mike Shinoda

Mike Shinoda

Se Chester mi somiglia, Mike è decisamente il mio idolo, sempre componente della mia band preferita è il creativo del gruppo, non mento se dico che vorrei diventare un barvissimo GRAPHIC DESIGNER come lui…ti adorooooooooooooooooooo!!!

Se chester« Fondamentalmente i nostri fans sanno più cose di noi su di noi  »

Michael Kenji Shinoda

Michael Kenji Shinoda – più noto come Mike Shinoda – (Agoura Hills, California11 febbraio 1977) è un rapper, chitarrista, tastierista e produttore discografico statunitense, famoso per la sua militanza nei Linkin Park. Biografia

Primi anni

Di padre giapponese e madre americana, Shinoda è nato nel sobborgo losangelino di Agoura, dove ha trascorso i suoi primi vent’anni. Ha un fratello minore di nome Jason.

A spingerlo a diventare musicista, fu un concerto eseguito in contemporanea dagli Anthrax e dai Public Enemy, a cui assistette nei primi anni Novanta. Dopo quel concerto, iniziò a seguire lezioni di pianoforte, cominciando con la musica classica, e passando successivamente al jazz e infine all’hip hop; nello stesso periodo iniziò a suonare la chitarra elettrica e a praticare il rapping.

.Alla Agoura High School, Shinoda conobbe Brad Delson e Rob Bourdon (entrambi già nei Relative Degree). Con loro formò gli Xero, nel 1996.

Dopo il liceo, cominciò a studiare illustrazione e disegno grafico all’Art Center College Of Design di Pasadena. Lì divenne amico del collega di studi Joseph Hahn, mentre all’università Delson conobbe David Farrell. I due si unirono agli Xero nel 1997, rispettivamente come dj e bassista, e poco dopo arrivò al secondo microfono Mark Wakefield.

Una volta terminati gli studi, Shinoda si laureò nel 1999 in illustrazione, e divenne graphic designer.

Linkin Park

Poco prima della sua laurea, Shinoda contattò il produttore Jeff Blue per la ricerca del sostituto di Mark Wakefield (che ha abbandonato il gruppo nel 1998, ed è in seguito diventato manager dei Taproot). Allora Blue chiamò l’ex Grey Daze Chester Bennington, proveniente dall’Arizona. Bennington e gli Xero si aggregarono negli Hybrid Theory, che nel 1999 rilasciarono un EP eponimo. Poi eseguirono alcuni showcases per sei etichette discografiche.

Firmarono il contratto definitivo alla fine del 1999, con la Warner Brothers. A causa dell’omonimia con gli inglesi Hybrid, gli Hybrid Theory cambiarono nome in Linkin Park (da "Lincoln Park", zona di Santa Monica dove Bennington passava in auto dopo le registrazioni, ora Christine Reed Park).

Per la Warner incisero e pubblicarono nel 2000 Hybrid Theory, prodotto da Don Gilmore e con una copertina disegnata dallo stesso Mike Shinoda, che illustra un soldato con ali di libellula (il soldato rappresenta l’aggressività e la dinamica del metal/hard rock, le ali di libellula la leggerezza e l’orecchiabilità del rap). Con 20 milioni di copie all’attivo, Hybrid Theory è l’album di maggiore successo commerciale del genere nu metal.

Shinoda si occupa sin dal 1999 degli aspetti tecnici della musica dei Linkin, e suona alcuni degli strumenti. È stato il supervisore della registrazione di Reanimation (2002), edit di Hybrid Theory. Inoltre in Meteora (2003), anch’esso con Don Gilmore in cabina di regia, si è distinto come polistrumentista, e in Collision Course (2004) come produttore, remixer e graphic designer. Ha prodotto tutti gli EP rilasciati dal fan club ufficiale Linkin Park Underground, e ha remixato alcune canzoni dei gruppi Depeche Mode ("Enjoy The Silence"), X-Ecutioners (con cui ha eseguito nel 2002 il brano "It’s Goin’ Down") e Handsome Boy Modeling School.

Attualmente si occupa anche dell’artwork dei Linkin insieme a Joseph Hahn, e ha disegnato la copertina del debut album degli Styles Of Beyond, 2000 Fold.

Nel 2003, Mike Shinoda e Brad Delson hanno fondato la Machine Shop Recordings, divisione della Warner Brothers che ha già prodotto alcuni lavori di Holly Brook e degli Styles Of Beyond.

Sposato dal 10 maggio 2003 con Anna Marie Hillinger, Mike vive attualmente a Los Angeles, dove ha sede la band.

Eventi recenti

Shinoda e Lil Jon sono stati recentemente invitati a condurre gli MTV Video Music Awards. Per l’evento, il rapper dei Linkin Park ha inciso i brevi brani strumentali "100 Degrees," "Saturday," "Montreal," "Hype" e "Madison".

Insieme a Rick Rubin, Mike ha prodotto in studio il terzo album dei Linkin Park, Minutes to Midnight. Già anticipato nell’aprile del 2007 dal singolo "What I’ve Done", è stato pubblicato il 14 maggio dello stesso anno in Europa e il 15 negli Stati Uniti.

Fort Minor

Il 22 novembre 2005 è stato immesso sul mercato The Rising Tied, primo album dei Fort Minor, progetto collaterale avviato nel 2004 da Mike Shinoda.

Le canzoni sono state scritte, suonate e mixate da Shinoda stesso, con la collaborazione di artisti tra cui Black Thought dei Roots, gli Styles of Beyond, Holly Brook, Kenna, Common, John Legend, Jonah Matranga e Celph Titled. Al disco, prodotto da Jay-Z e pubblicato per la Warner Brothers, hanno partecipato anche Brad Delson e Joseph Hahn.

I suoi singoli sono "Petrified", "Believe Me", "Remember The Name" e "Where’d You Go".

Influenze musicali

Mike Shinoda cita come propri ispiratori i Deftones, i Nine Inch Nails, i Roots, Aphex Twin e i Depeche Mode.

Proprio per questi ultimi, Mike Shinoda realizzò un remix di Enjoy The Silence, nel 2004.

 
1 Commento

Pubblicato da su 3 luglio 2008 in Senza categoria

 

Tributo a Chester Bennington

Chester Bennington

Ecco un tributo che ho fatto al cantante della mia band preferita, anche perchè leggendo ho scoperto che mi somiglia molto..sottolineerò di giallo le cose in cui siamo simili o che mi piacciono di lui!!! XD

Chester Charles Bennington

Chester in concertoChester Charles Bennington (Phoenix20 marzo (io il 19) 1976) è un cantante statunitense, famoso per la sua militanza nei Linkin Park.

Nome: Chester Charles Bennington

Segno: pesci

Colore degli occhi: marroni.

Colore dei capelli: marroni.

Altezza: 1.78

Peso: 53,57

Soprannomi: Chazy Chaz; Chaz; Chazy; Chester The Molester; The Chemist.

Culture: greca, italiana, americana.

Colori preferiti: nero, verde, argento.

Cibi preferiti: pasta, mele, pesche, pizza, spaghetti, succo d’arancia.

Numero fortunato: 17

Ha due cani; un incrocio tra Rottweiller e Labrador e un Australian Sherped, due gatti e quattro cavalli. (I cavalli li ho segnato xk sono il miei animali preferiti)

Ha due Corvettes z06, una rossa e l’altra argento e una PT cruiser blu con delle fiamme azzurre sul retro.

Da giovane doveva riempirsi di cuscini sotto i vestiti perché era troppo magro. Ha vissuto nella sua macchina per un mese, pechè non si poteva permettere di affittare una casa, aveva solo una cesta piena di roba e un materasso. Non poteva nemmeno permettersi una bici, quindi andava a lavorare con lo skateboard.Mentre scendeva da una collina ha picchiato violentemente la testa contro un muro di mattoni e gli hanno dato 47 punti.

Nel 1993 ha fatto un graffito sul muro della scuola firmato Chester Bennington ’93

Chester dice: "Credo in Dio ma non faccio, nè metto in discussione, qualcosa che vada contro i miei ideali."

Ha l’abitudine di mostrare il suo sedere.

È mancino.

Fuma da quando ha 11 anni.

È tifoso della squadra di football "Phoenix Cardinal".

Gli piace cucinare e dice: "Mi piace. È questo il motivo per cui mia moglie continua a stare con me. Posso fare una bistecca con sale e pepe e sarà la migliore che avrete mai assaggiato. Penso che l’ingrediente speciale sia l’amore." (L’ho sottolineato soprattutto xk ci mette passione nel fare le cose…romantico)

Non si separerebbe mai dalla sua chitarra. (Geloso delle sue cose come me)

Non ha avuto un’infanzia facile: i suoi genitori hanno divorziato quando aveva 11 anni, è stato molestato sessualmente, ha avuto dipendenza da anfetamine ed LSD da adolescente, è stato arrestato a 18 anni per possesso di marijuana e ha avuto problemi con la mafia messicana a causa della droga.

Non è mai stato invitato a una festa di compleanno.

Girava intorno alla casa cantando e fingendo di essere il 5° membro dei Depeche Mode.  (sottolineatà xk mi piaccioni pazzi e sta cosa mi fà morire dal ridere…anche xk sono pazza pure io…HAHA

Ha perso degli amici che si sono suicidati. "Ho anche perso un amico in un incidente sullo skateboard. Stava scendendo da una piccola collina, ha beccato un sasso, cadendo ha battuto la testa ed è morto. Quando si è piccoli capita mille volte di cadere e battere la testa, lui ha solo battuto la parte sbagliata."

Dice che stare sul palco con gli Stone Temple Pilots e cantare con loro è stato uno dei momenti più belli della sua carriera.

La cosa che preferisce dei LP è la "creatività della musica".

Sostiene di aver conosciuto gli alieni che venivano dalla luna.

Pensava che la cantante Aliyah (morta in un incidente aereo) fosse sexy.

Tra i 10 e i 14 anni gli piaceva l’hip hop.

Il momento più determinante all’inizio della sua carriera è stato quando ha vomitato su se stesso e alcuni fans per concludere uno show.

La richiesta più strana che ha ricevuto da un fan è quella di avere i suoi vestiti.  (e si..io li vorrei *sbav*)

La sua più grande ossessione è la sua musica, che ha iniziato a praticare a 13 anni; ha fatto pratica finché non si è scocciato e ha imparato a cantare bene come ora.

È un grande bevitore di birra.

La cosa più rischiosa che abbia mai fatto secondo lui è stata entrare nei Linkin Park.

Se potesse essere qualcun’altro per un giorno, sarebbe un orgasmo.

Dice che se non fosse un cantante sarebbe "un Normale Americano che fa Normali cose Americane".

Gli piace il film "Fight Club".

Ha ogni album di Madonna esistente sulla faccia della terra.

Se potesse annullare una legge sarebbe la legalizzazione della marijuana.

Quando la band viaggia è l’unico che ha bisogno di un kit di valigie per il suo guardaroba: si porta dietro le scarpe per qualsiasi abbinamento di vestiti, così come l’intimo e i calzini, così che si abbinino bene a qualsiasi paio di scarpe e pantaloni.

Ogni volta che va all’aeroporto ha un problema coi metal-detector, dato che indossa sempre braccialetti, piuttosto che anelli di metallo ecc. Infatti ha sempre con sè una piccola borsa dove li mette; ha la fissa di metterli sempre nello stesso ordine ogni volta.

Ha letto la serie "Vampire Chronicles" e "Hannibal" del quale dice: "È un libro stupendo".

Quando la band è sul tour bus, non può fare a meno di giocare a "Tony Hawk II".

Dice che il personaggio dei cartoni che lo rappresenta meglio è Mr. Hanky, la "cacchina di Natale" di South Park.

Il momento più intenso della sua vita è stato quando si è sposato.

Ha collaborato con una radio chiamata CAPP per aiutare i ragazzi abusati sessualmente.

Non vede la fans come un’opportunità per avere un orgasmo.

Ha smesso di drogarsi quando ha incontrato Samantha e le ha giurato che non l’avrebbe più fatto.

Dice che, quando il pubblico ai concerti canta con lui, ha un’erezione per tutto lo show.

Lui e Samantha hanno disegnato vestiti per Replicant Clothing: "Quando Ryan mi ha chiesto se ero interessato a disegnare vestiti, non avevo mai avuto esperienze e ho accettato. Ho iniziato per provare e ora mi piace tantissimo farlo!".

Ha bisogno degli occhiali perché senza non vede neanche davanti a lui, ma ai concerti li toglie per evitare di romperli.

Qualcuno ha detto che lui e Sean dei Grey Daze erano migliori amici, ma si sono divisi a causa delle loro differenti personalità; quando hanno litigato, erano troppo immaturi per riappacificarsi.

Appare nel film "Crank" nella scena in ospedale,dove suggerisce un idea al protagonista…

Alla Domanda "Cosa ti piace di più nell’essere in una band?" ha risposto: "Ciò che mi diverte di più nell’essere in una band, è avere l’opportunità di creare musica con importanti musicisti che diventano poi dei grandi amici. Vorrei ringraziare tutti quelli che ci hanno supportato e fatto tutto il possibile."

Il momento più bello della sua carriera secondo lui è stato realizzare il video di "One Step Closer"

I Grey Daze non hanno mai ottenuto un contratto; Chester cominciò a stancarsi della band, specialmente quando cominciarono a prendersi il merito dei testi scritti da lui… così ha lasciato la band ed è stato sostituito da una donna per le parti vocali.

Da notare i suoi salti durante i live. Proprio a causa di questi salti ultimamente si è rotto il polso durante un live in Nuova Zelanda; il piede gli è rimasto impigliato nelle scale ed è caduto di schiena portando sotto di essa il polso. Ma con grande professionalità ha continuato tutto il concerto nonostante il dolore. Non sono rare le occasioni in cui, nelle canzoni, aggiunge parti cantate in melodico o in scream, la sua specialità (addirittura è in grado di tenerlo per 20 secondi, nella canzone Given Up).

Chester è un appassionato di tatuaggi. Ogni suo tatuaggio per lui ha un significato e una storia. Il suo primo tatuaggio, ossia quello sulla spalla sinistra, dei pesci, l’ha fatto a 18 anni. Le sue braccia sono quasi interamente ricoperte di disegni, quali le celebri fiamme sui polsi, i pesci, e da pochi anni una ragnatela con un teschio e una rosa. Sulla schiena c’è un enorme disegno e sulla zona lombare si è fatto tatuare la scritta Linkin Park (scritta disegnata da un suo amico con cui aveva fatto una scommessa: gli avrebbe disegnato Linkin Park se mai avessero vinto un disco di platino).

 
1 Commento

Pubblicato da su 3 luglio 2008 in Senza categoria